Service 7 aprile 2020

Donazione del Rotary club Trani alla OER (Operatori Emergenza Radio)Un sanificatore “Hygienio” è stato donato dal Rotary Club Trani alla OER, un’associazione di volontari che opera da tempo nella comunità con quattro ambulanze ed espleta un servizio benemerito di navetta –trasporto per anziani disabili e persone che necessitano di dialisi. L'apparecchiatura brevettata consente la sanificazione rapida delle superfici utilizzando una miscela di vapore ad alta pressione e disinfettante. Il dispositivo risultava assolutamente indispensabile per il servizio svolto dalla OER in particolare in questo periodo in cui il coronavirus incombe e può essere trasmesso in molti modi, tra i quali il deposito sulle superfici. Il Rotary Club Trani, anche con il generoso apporto dell’azienda Therascience Lignaform Italia, che ringraziamo, ha così concretizzato nei fatti la sua etica di servizio alla comunità e di attenzione ai bisogni. Come ha dichiarato il Responsabile della OER Sebastiano Miscioscia, il Rotary si è fatto trovare al posto giusto, nel momento giusto e con la giusta azione, fornendo una apparecchiatura che resterà nel tempo a disposizione della associazione e potrà così contribuire alla salute e al benessere di tutti coloro che verranno assistiti dai volontariato non solo in questi giorni, ma anche in futuro si tratta. Si è trattato quindi, di un intervento davvero importante, che, ancora una volta, dimostra come la collaborazione tra coloro che si pongono al servizio degli altri possa dare risultati di eccellente livello non solo momentanei ma duraturi.
Achille Cusani - 7 aprile 2020

92470742_2814611721988944_4664510650129580032_n.jpg

Stampa Email

Service del 10 aprile 2020

92706666_2820797394703710_295374783665668096_n.jpgFame e distruzione dell'economia sono due conseguenze drammatiche della pandemia, che già ci attanaglia con dolore e morte. Mentre, però, gli interventi sanitari ed economici possono svolgersi su un arco di tempo che guarda anche al futuro, per la fame è indispensabile agire qui ed ora. Sono, infatti, tante le famiglie che vivono in una situazione di povertà, a cui si aggiungono i precari, gli stagionali e i soggetti che a causa del ridimensionamento o del fermo totale delle attività, si ritrovano improvvisamente con un reddito ridotto e con poche tutele. Per molte di queste persone sta diventando difficile anche reperire risorse e beni di prima necessità.
Ecco il motivo per il quale quattro Rotary Club: Millennials , Andria Castelli Svevi, Trani e Barletta, hanno promosso un'iniziativa di solidarietà per aiutare le persone in difficoltà, donando diversi bancali di generi di prima necessità: (latte, pasta, sugo e legumi) consegnati il 10 aprile ai volontari nelle tre città. Nella fornitura figurano anche colombe pasquali, nella speranza che possano portare un po' di gioia alle tante famiglie bisognose, in vista delle prossime festività religiose.
L’iniziativa ha anche ottenuto il patrocinio delle municipalità di Trani e Barletta, ma tutto questo non sarebbe stato possibile realizzarlo senza il generoso e sostanziale contributo delle aziende Bell Italia S.r.l., TatòParideS.p.a., CoopMasterAlleanza3.0
Ad esse va il sentito ringraziamento dei rotariani tutti.
Da sempre il Rotary agisce sul territorio, individuandone le necessità e ponendovi rimedio. Sarà così anche questa volta, con la realizzazione pratica degli ideali rotariani: amicizia e servizio, che, mai come in questa occasione dimostrano la loro forza.
Tutti assieme, ce la faremo!!
I Presidenti:
Giovanni Votta​ ​(Rotary Club Millennials)
Pietro Marmo​ ​(Rotary Club Andria Castelli Svevi)
Achille Cusani ​(Rotary Club Trani)
Vincenzo Fruscio​ ​(Rotary Club Barletta)

92873420_2820797398037043_1037142453460664320_n.jpg

Stampa Email

“Agricoltura e ambiente, ai tempi del coronavirus” Relazione di Donato Rossi al Rotary Club Trani il 23/4/2020

IMG-20200423-WA0016.jpgIl meeting virtuali del Rotary Club Trani, svoltosi  la sera del 23 aprile, ha visto come protagonista il nostro caro amico socio Donato Rossi, Presidente Designato del Club per l'anno rotariano 2022/23.  Donato Rossi, oltre ad essere un noto imprenditore agricolo è Componente della Giunta Esecutiva Nazionale della Confagricoltura e  ha tenuto una relazione dal titolo “Agricoltura e ambiente ai tempi del coronavirus”. Gli lascio quindi la parola, riportando il testo del suo intervento (lievemente riassunto)

 Agricoltura e ambiente un legame mai interrotto

Il legame indissolubile tra agricoltura e ambiente è connaturato a questa particolare attività economica che è basata sull’ecosistema. Anzi l’ambiente in senso lato è un elemento costituente ai cicli biologici delle piante e degli animali; e la produzione agricola quindi ne è determinata in maniera fondamentale. E’ così che la sostenibilità economica delle imprese agricole è alla base della sostenibilità ambientale; senza la sopravvivenza delle imprese non avremo ambiente e paesaggio agrario come quello disegnato dalle centinaia di migliaia di agricoltori che coltivano il nostro Paese. L’agricoltura in termini di valore aggiunto non arriva al 2 per cento di incidenza complessiva sul PIL nazionale; ma il suo contributo è ben più elevato. Se consideriamo tutte le attività a monte e a valle sino al consumo alimentare si tratta di quasi 300 miliardi di euro, cioè quasi il 20 per cento di PIL nazionale. Ma c’è un dato più rilevante: le aziende agricole italiane occupano circa 17 milioni di ettari di superficie agricola totale su 30 milioni di ettari (300mila kmq) che costituiscono la superficie del Paese. Oltre la metà del territorio è quindi gestita da chi svolge l’attività agricola. Un impegno con l’ambiente e per l’ambiente che spesso viene sottaciuto per lasciare spazio invece ad interpretazioni ingenerose e che criticano in maniera generalizzata il rapporto tra agricoltura e ambiente. Le cose non stanno ovviamente così ed è anzi primo interesse dell’impresa agricola avere un ecosistema sostenibile.

Leggi tutto

Stampa Email

Intelligenza artificiale, relazione al Club di Nicola Abbate. 25 febbraio 2020

IMG-20200225-WA0007.jpgUn vero tuffo nel futuro ci ha fatto fare la relazione del nostro caro amico Nicola Abbate, responsabile dei sistemi informativi del Distretto fin dal lontano 2004. Nicola è nato a Bari nel 1969, è sposato e ha due bambini piccoli. E’ un informatico specializzato, titolare della Abba Solutions,  è stato Presidente del Rotary Club Bari Mediterraneo nel 2009/10 e Assistente del Governatore l'anno scorso. Egli vanta ben 9 Paul Harris, 7 dal Distretto e due dal suoClub, ottenute con un piccolo record: in 10 anni e all’età di 40 anni!

L'impostazione iniziale della sua relazione è stata fatta con una citazione di Paul Harris: “Il Rotary non si ferma,non si può fermare, perché ilnostro è un mondo che cambia e noi dobbiamo cambiare con esso”. Ma cos'è esattamente l'intelligenza artificiale? E perché acquista sempre più importanza? Perché dobbiamo elaborare informazioni che aumentano a ritmo esponenziale, informazioni non più create, come 20 anni fa, da grandi gruppi,  da banche o industrie, ma da ognuno di noi. Si tratta d’informazioni e dati non strutturati, cioè non ordinati, come ad esempio in un foglio excel (colonna riga) ma sono immagini video audio, libri, pubblicazioni. Quindi, se non utilizziamo tecniche di intelligenza artificiale non possiamo elaborarli, tenendo presente che i dati di cui parliamo riguardano, a 360°, qualsiasi aspetto della nostra vita: impostazioni medicali, come le tac, il crollo del ponte Morandi e la scoperta di nuovi antibiotici, solo per fare qualche esempio.  L’intelligenza artificiale, in realtà è una nostra creazione, tramite la quale possiamo attingere a risultati che altrimenti resterebbero al di fuori della nostra portata. Giusto per fare qualche esempio ricordiamo il duello tra un uomo e una macchina è 11 maggio 1997. Garry Kasparov, campione mondiale di scacchi, affronta Deep Blu. e si vede costretto ad abbandonare la partita. 20 anni dopo, nel marzo del 2016 LeeSedol, numero tre nel mondo nel gioco del Go, affronta AlfaGO intelligenza artificiale sviluppata da Google. A differenza degli scacchi, le 361 caselle del tavoliere del GO danno origine a troppe combinazioni per consentire alla macchina di calcolare tutte le mosse possibili. Ma, questa volta, oltre alle capacità di calcolo i progettisti di AlfaGo sono riusciti a dare al programma delle facoltà di apprendimento. La macchina man mano che gioca impara e migliora. Risultato: su 5 partite giocate,AlfaGo ne vince quattro. In modo analogo, nel campo del poker, l'algoritmo Libratus, utilizzando la propria capacità di apprendere, a un certo punto riuscì a…. bluffare! In sostanza, si verifica che i programmatori scrivono programmi che diventano più abili di loro! Ad esempio in Facebook è stato messo a punto un programma di riconoscimento d’immagini, tramite il quale gli algoritmi possono conoscere, in una frazione di secondo, i centri d’interesse degli utenti e proporre loro contenuti che corrispondano a tali interessi. Si parla quindi di programmi di “deep learning” (conoscenza approfondita) tramite i quali le macchine possono riconoscere profili o forme, quindi anche i volti delle persone. Questi programmi sono tutti in possesso di grandi multinazionali, come Google Apple Facebook, che sono quindi i primi nel campo della intelligenza artificiale. Anche IBM ha  realizzato un  programma di I. A. chiamato Watson, inizialmente per uno scopo ludico, cioè giocare ad un gioco televisivo chiamato Jeopardy, in cui si deve risalire alla domanda conoscendo la risposta. Il programma si dimostrò in grado  di giocare e vincere, perché in grado di assorbire un'enorme quantità di dati. Dopodiché, IBM utilizzò Watson in campo medico per diagnosticare il cancro, con l’obiettivo di arrivarci meglio e più rapidamente di un medico. Watson ha imparato ad analizzare le radiografie, i risultati delle tac, degli esami del sangue e a riconoscere i sintomi caratteristici di ogni tumore. Si è giunti così a diagnosi più affidabili, cure più efficaci e medicine  più sicure.

Leggi tutto

Stampa Email